Il MoVimento 5 Stelle di Colle di Val d’Elsa ci segnala una nuova incompiuta: La Fabbrichina, in Via Masson, Colle Val d’Elsa:

La Fabbrichina è un’opera che ha ricevuto finanziamenti europei destinati alla realizzazione di quella che di solito è indicata come “riqualificazione urbana” di un’ex area industriale. Al momento, di questo progetto è visibile un profondo “buco” ed una fila di scheletri di cemento armato, tutto questo in pieno centro urbano, ai piedi della collina dove sorge un integro borgo medievale (Colle Alta), citato pure da Dante nella Divina Commedia. Questa riqualificazione vantava pure la griffe di un urbanista di fama mondiale, ma le manìe di grandezza si sono infrante con la dura realtà dei fatti. Un progetto per ora rivelatosi fallimentare: una mediateca e un centro commerciale ancora non realizzati, ed un complesso di appartamenti terminato ma ancora non raggiunto da alcun compratore.

Anche Raffaele Ascheri, in arte “L’Eretico di Siena”, ha scritto a proposito di questo scempio sul suo blog già nel Dicembre 2012: Lo scempio di Colle: la Fabbrichina non fabbrica più...

Lo stesso presidente della Colle Promozione Spa (Municipalizzata del Comune di Colle di Val d’Elsa), Stefano Bianchi, il 22 agosto 2013 dichiarò alla stampa:

“Ad oggi nonostante le grandi difficoltà sono state eseguite tre importanti opere che la città sta già utilizzando: la bonifica dell’area (collaudata), la nuova viabilità e la nuova fognatura di Via Livini, pur con minime finiture da completare. Non solo. Il progetto per la sua importanza e per la sua qualità ha attratto poco meno di 10 milioni di euro di contributi per opere pubbliche (PIUSS – Mediateca) a favore del Comune di Colle ed un nuovo supermercato che oltre a portare un po’ di buona e sana concorrenza avrà ricadute occupazionali apprezzabili. Altre lottizzazioni della città, pur importanti, hanno portato benefici comuni ben inferiori”. Tra i vari temi affrontati anche quello della trasparenza, come ad esempio che l’operazione Fabbrichina non ha usufruito di soldi pubblici a parte “quello della Regione che ha concesso, in base ad un bando pubblico per aree da bonificare, poco meno di un terzo delle somme spese” e che i compensi degli amministratori, nonostante insistenti voci, “sono irrisori con € 1500,00 il Presidente, € 1000,00 il vice e 500,00 i consiglieri” e che comunque “NewCOLLE si finanzia con i proventi delle vendite di immobili e spazi commerciali e con finanziamenti ordinari delle tre Banche con cui ha rapporti”.

[infobox style=’regular’ static=’1′]

COMUNICATO SULLA FABBRICHINA, MoVimento Colle 5 Stelle (18.04.2014)

New Colle: la verità su Fabbrichina (22.08.2013)

Lo scempio di Colle: la Fabbrichina non fabbrica più… (17.12.2012)

La Fabbrichina (sito ufficiale)

[/infobox]

[googlemap address=’Via Masson, Colle di Val Elsa, Siena, Italy’ latlng=” zoom=’16’ width=’100%’ height=’240′]

Annunci