Citata anche alla voce su Taverne d’Arbia di Wikipedia, l’area dell’ex mulino Muratori è

una delle aree dismesse da recuperare maggiori rispetto a tutto il Comune: l’ex Molino Muratori presenta una superficie di 20.000 m2.

Un progetto di recupero dell'area
Un progetto di recupero dell’area

Non ne conosciamo bene la storia ma, a quanto risulta dal sito web del Comune di Siena, è in cantiere un progetto di recupero dell’area:

Il progetto prevede la riqualificazione e il riuso a fini prevalentemente residenziali dell’area produttiva, attualmente dismessa dell’ex Mulino Muratori, che costituisce il nucleo originario di Taverne. L’intervento, che ha la particolarità di trovarsi nella propaggine est di Taverne, in posizione baricentrica tra i due insediamenti di Taverne ed Arbia, rappresenta inoltre l’opportunità per ridisegnare l’ingresso di Taverne da sud-est (dal comune di Asciano e dalla super-strada Siena-Bettole), creando una nuova relazione fisico-percettiva con l’insediamento di Arbia.

Il recupero prevede il mantenimento del complesso originario lungo via Principale e un’ampia accessibilità pubblica all’area, fino ad oggi inaccessibile, attraverso la realizzazione di una piazza, di un’area area verde attrezzata, in parte lungo il bacino artificiale che ripropone il tema dell’antica gora, e di percorsi pedonali, di cui uno protetto di collegamento con la scuola di Presciano.

L’intero intervento è vincolato ad opere di messa in sicurezza dell’area da rischi di esondazioni del torrente Arbia. Vista la complessità della trasformazione sono previste due unità minime di intervento ATI 6.1 e 6.2 rispettivamente a sud e a nord dell’area.

A quanto si legge, in assenza di ulteriori elementi, sembra che non sono stati effettuati controlli su eventuali rischi di contaminazioni:

Infine, dato che si tratta di riconversione di un sito precedentemente destinato ad attività industriale, con futura destinazione anche residenziale, ai sensi DPGR n.14/R-2004, in fase di predisposizione del Piano Attuativo, dovrà essere certificata l’assenza di contaminazione mediante la redazione di un Piano di indagini Ambientale e la conseguente esecuzione di accertamenti ambientali effettuati sotto controllo dell’ARPAT e della Provincia che attestino il non superamento delle Concentrazioni di soglia di contaminazione (CSC) come definite dal Dlgs n.152/2006. Il livello di approfondimento del Piano di indagini sarà commisurato alla tipologia effettiva delle pregresse attività condotte nel sito interessato.

Già nel 2003 lo studio di architettura Architetture Srl approntò un progetto di recupero, disponibile sul loro sito web: http://www.architetturesrl.info/muratori.swf

Siamo al Luglio 2014 e, miracolosamente (considerando il nostro Paese) qualcosa agli Ex Molini Muratori si muove: come confermato anche dall’assessore Maggi, Per il Mulino Muratori, stanno smontando i silos, hanno richiesto da poco l’apposita autorizzazione”.

Le foto scattate da un nostro collaboratore sembrano confermare l’attività..che sia finalmente la volta buona ?

 

[infobox style=’regular’ static=’1′]

Taverne d’Arbia. Iniziati i lavori all’ex Molino Muratori, Corriere Nazionale, 19.07.2014

Taverne d’Arbia su Wikipedia

IL RECUPERO DELL’EX MULINO MURATORI- DOSSIER PROGETTUALE VALUTATIVO – ATI N. 6

[/infobox]

[googlemap address=’Via Principale, Taverne Arbia, Siena, Italia’ latlng=” zoom=’16’ width=’100%’ height=’240′]

Annunci