Nel 2000 un consorzio di piccole imprese, sotto l’egida di Confartigianato di Massa Carrara, ha investito € 14 milioni per creare nell’area dell’ex “Olivetti Synthesis” un polo artigianale su una supercicie di circa 92.000 mq, promettendo un centinaio di nuovi posti di lavoro e riassorbimento dei licenziati della stessa Synthesis.
Il progetto si è arrenato più volte fino a quando le imprese artigianali, dopo aver investito nel progetto, hanno affrontato difficoltà dovute in parte agli ostacoli posti dall’Amministrazione Comunale, perdendo i contributi regionali e affrontando le conseguenze di esposizioni bancarie consistenti.
Nel 2009 il comune di Massa ha ricollocato l’area alla soc. Ge.Sco, con finanziamenti di 30 milioni di €. All’epoca il Sindaco di Massa commentò: “E’ quello che si intende per fare sistema ed è a questo modello che l’Amministrazione comunale guarda per tentare di ridisegnare una nuova politica per la zona industriale: no allo spezzettamento, definiamo con gli strumenti a disposizione cosa non vogliamo in quelle aree e poi prepariamoci a dare risposte in tempi utili, attrezziamoci per dare risposte veloci e stimoliamo le aziende a mettersi insieme per offrire soluzioni complessive”.
Ad oggi, nel 2015, è ancora tutto fermo.

[su_gmap address=”Via Aurelia ovest 139, Massa, Italy”]

[infobox style=’regular’ static=’1′]

[/infobox]

Si ringrazia Fabiano G. per la segnalazione e per le foto.

Annunci